1 Garanzia legale di conformità per i Consumatori (B2C)

Nel caso in cui il Cliente sia un Consumatore, ha diritto alla garanzia legale di conformità dei beni prevista dal Codice del Consumo, alle seguenti condizioni.

2 Requisiti di conformità

I Prodotti da Noi venduti si ritengono conformi in presenza dei seguenti requisiti soggettivi, ove pertinenti:

  • a) corrispondono alla descrizione, al tipo, alla quantità e alla qualità contrattuali e possiedono la funzionalità, la  compatibilità, l’interoperabilità e le altre caratteristiche come previste dal contratto di vendita;
  • b) sono idonei ad ogni utilizzo particolare voluto dal Consumatore, che sia stato da questi portato a conoscenza di il Venditore al più tardi al momento della conclusione del contratto di vendita e che il Venditore abbia accettato;
  • c) sono forniti assieme a tutti gli accessori, alle istruzioni, anche inerenti all’installazione, previsti dal contratto di vendita;
  • d) sono forniti con gli aggiornamenti come previsto dal contratto di vendita;

nonché, in presenza dei seguenti requisiti oggettivi, ove pertinenti;

  • e) sono idonei agli scopi per i quali si impiegano di norma beni dello stesso tipo, tenendo eventualmente conto di altre disposizioni dell’ordinamento nazionale e del diritto dell’Unione, delle norme tecniche o, in mancanza di tali norme tecniche, dei codici di condotta dell’industria applicabili allo specifico settore;
  • f) ove pertinente, possiedono la qualità e corrispondono alla descrizione di un campione o modello che il Venditore ha messo a disposizione del Consumatore prima della conclusione del contratto;
  • g) ove pertinente, sono consegnati assieme agli accessori, compresi imballaggio, istruzioni per l’installazione o altre istruzioni, che il Consumatore può ragionevolmente aspettarsi di ricevere; e,
  • h) sono della quantità e possiedono le qualità e altre caratteristiche, anche in termini di durabilità, funzionalità, compatibilità e sicurezza, ordinariamente presenti in un bene del medesimo tipo e che il Consumatore può ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto della natura del bene e delle dichiarazioni pubbliche fatte dal o per conto del venditore, o da altre persone nell’ambito dei precedenti passaggi della catena di transazioni commerciali, compreso il produttore, in particolare nella pubblicità o nell’etichetta.

Facciamo presente che non siamo vincolati dalle dichiarazioni pubbliche di cui sopra, quando, anche alternativamente, dimostriamo che:

  • a) non eravamo a conoscenza della dichiarazione pubblica in questione e non potevamo conoscerla con l’ordinaria diligenza;
  • b) la dichiarazione pubblica è stata adeguatamente corretta entro il momento della conclusione del contratto con le stesse modalità, o con modalità simili a quelle con le quali è stata resa;
  • c) la decisione di acquistare il bene non è stata influenzata dalla dichiarazione pubblica.

3 Diritti del Consumatore in caso di difetto di conformità. Termini

Nei casi in cui il bene presenti difetti di conformità alle condizioni sopra illustrate, il Consumatore ha il diritto alla garanzia legale di conformità quando il difetto esista al momento della consegna del bene e si manifesti entro 2 (due) anni da tale momento.

In tali casi il Consumatore deve contattare per iscritto il Venditore nel più breve termine e comunque ad esercitare l’azione di garanzia entro il termine massimo di prescrizione di 26 (ventisei) mesi dalla consegna del bene.

Nel caso di beni usati, il termine di prescrizione è limitato ad 1 (un) anno.

Salvo prova contraria, si presume che qualsiasi difetto di conformità che si manifesta entro un anno dal momento in cui il bene è stato consegnato esistesse già a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del bene o con la natura del difetto di conformità e ciò anche in relazione ai beni con elementi digitali.

4 Garanzie esercitabili

In caso di difetto di conformità del bene, il Consumatore ha diritto ai seguenti rimedi:

  • ripristino della conformità del bene (riparazione o sostituzione);
  • riduzione proporzionale del prezzo o risoluzione del contratto.

5 Ripristino (riparazione o sostituzione)

Ai fini del ripristino della conformità del bene, il Consumatore può scegliere tra riparazione e sostituzione, purché il rimedio prescelto non sia impossibile o, rispetto al rimedio alternativo, non imponga al Venditore costi sproporzionati, tenuto conto di tutte le circostanze e, in particolare, delle seguenti:

  1. a) il valore che il bene avrebbe in assenza del difetto di conformità;
  2. b) l’entità del difetto di conformità; e
  3. c) la possibilità di esperire il rimedio alternativo senza notevoli inconvenienti per il Consumatore.

Il Venditore può rifiutarsi di rendere conformi i beni se la riparazione e la sostituzione sono impossibili o se i costi che dovrebbe sostenere sono sproporzionati, tenuto conto di tutte le circostanze.

La riparazione o la sostituzione sono effettuate:

  1. a) senza spese;
  2. b) entro un congruo periodo di tempo dal momento in cui il venditore è stato informato dal Consumatore del difetto di conformità; e
  3. c) senza notevoli inconvenienti per il Consumatore, tenuto conto della natura del bene e dello scopo per il quale il Consumatore ha voluto il bene.

Qualora si debba rimediare al difetto di conformità mediante riparazione o sostituzione dei beni, il Consumatore deve metterli a disposizione del Venditore, che riprenderà i beni sostituiti a proprie spese.

Qualora  la riparazione richieda la rimozione del bene installato in modo conforme alla natura e allo scopo dello stesso prima che si manifesti il difetto di conformità, o qualora si riveli necessario sostituire il bene, l’obbligo di riparare o sostituire il bene comprende la rimozione del bene non conforme e l’installazione del bene sostitutivo o riparato, oppure l’obbligo di sostenere le spese di rimozione o installazione.

Il Consumatore non è tenuto a pagare per il normale uso del bene sostituito nel periodo precedente la sostituzione.

6 Riduzione proporzionale del prezzo o risoluzione del contratto

Il Consumatore ha diritto ad una riduzione proporzionale del prezzo o alla risoluzione del contratto di vendita nel caso in cui:

  1. a) il Venditore non ha effettuato la riparazione o la sostituzione oppure non ha effettuato la riparazione o la sostituzione, ove possibile, oppure ha rifiutato di rendere conformi i beni;
  2. b) si manifesta un difetto di conformità, nonostante il tentativo del Venditore di ripristinare la conformità del bene;
  3. c) il difetto di conformità è talmente grave da giustificare l’immediata riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto di vendita; oppure
  4. d) il Venditore ha dichiarato o risulta chiaramente dalle circostanze, che non procederà al ripristino della conformità del bene entro un periodo ragionevole o senza notevoli inconvenienti per il Consumatore.

Il Consumatore non ha il diritto di risolvere il contratto se il difetto di conformità è solo di lieve entità. L’onere della prova della lieve entità del difetto è a carico del Venditore.

Il Consumatore può rifiutarsi di eseguire il pagamento di qualsiasi parte di prezzo fino a quando il Venditore non abbia adempiuto agli obblighi previsti. Restano ferme le disposizioni del codice civile che disciplinano l’eccezione di inadempimento e il concorso del fatto del Consumatore.

La riduzione del prezzo è proporzionale alla diminuzione di valore del bene ricevuto dal Consumatore rispetto al valore che avrebbe avuto se fosse stato conforme.

Il Consumatore esercita il diritto alla risoluzione del contratto di vendita mediante una dichiarazione diretta al Venditore contenente la manifestazione di volontà di risolvere il contratto di vendita.

Se il difetto di conformità riguarda solo alcuni dei beni consegnati a norma del contratto di vendita e sussiste una causa di risoluzione del contratto di vendita, il Consumatore può risolvere il contratto limitatamente ai beni non conformi e a quelli acquistati insieme ai beni non conformi, qualora non sia ragionevolmente presumibile la sussistenza di un interesse del Consumatore a mantenere nella propria disponibilità i beni non affetti da vizi.

Se il Consumatore risolve interamente il contratto di vendita o, conformemente a quanto sopra, limitatamente ad alcuni dei beni consegnati in forza del contratto di vendita:

  1. a) il Consumatore restituisce il bene al Venditore, a spese di quest’ultimo, e
  2. b) il Venditore rimborsa al Consumatore il prezzo pagato per il bene al ricevimento del bene o delle prove fornite dal Consumatore in ordine al fatto di aver restituito o spedito il bene.

Per l’esercizio della garanzia legale di conformità dovrai contattare e comunque inviare una comunicazione per iscritto al Venditore, entro i termini di legge come sopra indicati, ai recapiti del Venditore stesso.

7 Danni da prodotto

Gli eventuali danni cagionati dal Prodotto a cose o persone (danni da scoppio, incendio, corto circuito etc.), il Codice del Consumo prevede la responsabilità del Produttore ai sensi degli artt. 114 e seguenti. Nel caso di danno cagionato a cose, esso è risarcibile solo nella misura che ecceda la somma di euro 387.

N.B. Ai fini dell’applicazione della garanzia legale di conformità il Cliente deve verificare attentamente, per ciascun prodotto, la descrizione presente nella scheda informativa dello stesso. In particolare, il Cliente deve fare attenzione alla natura particolare del bene e alle qualità abituali di un bene dello stesso tipo, con specifico riferimento a quanto indicato in relazione alla durata della vita del bene medesimo. In tali casi, infatti, la durata naturale di un bene o dei suoi accessori, potrebbe essere inferiore a due (2) anni.

8 Garanzia legale per i Professionisti (B2B)

Se il Cliente è un Professionista ha diritto alla sola garanzia legale e non a quella di conformità.

La garanzia legale è prevista dal Codice Civile. In particolare, tale garanzia ha ad oggetto i vizi del Prodotto che siano tali da renderlo inidoneo all’uso a cui è destinato oppure tali da diminuire in modo apprezzabile il suo valore.

In tali casi, l’Acquirente deve, a pena di decadenza, comunicare al Venditore la presenza dei vizi entro il termine di otto giorni dalla loro scoperta.

L’azione si prescrive in ogni caso in un anno dalla consegna e/o dal ritiro del Prodotto.

La garanzia non è dovuta se al momento del contratto l’Acquirente conosceva i vizi della cosa e/o se i vizi erano facilmente riconoscibili dallo stesso.

Si applicano in quanto compatibili le norme di cui agli artt. 1490 e seguenti del codice civile.

9 Garanzia convenzionale

Il Cliente può aggiungere la garanzia convenzionale, estendo il periodo di garanzia legale, in sede di Modulo d’Ordine, inserendo nel Carrello tale garanzia convenzionale.